Deploy Angular con Azure Pipeline

L’articolo potrebbe risultare lungo ma cercherò di spiegare tutti i passaggi che faccio, pubblicare un’applicazione Angular con Azure Pipeline è estremamente semplice ma voglio fare una piccola premessa.

La Continuous Integration è al momento il sistema più semplice e sicuro di mettere in produzione una web app, specialmente se si parla di utilizzare servizi cloud. Esistono diversi servizi di Continuous Integration (CI), io ho utilizzato Circle CI per diverso tempo, poi ho adottato la CI di github e di bitbucket, ma dal momento che quasi tutti i miei servizi sono gestiti tramite il cloud di Microsoft ho deciso di provare la loro CI.

Nell’articolo quindi porrò attenzione alla creazione di una pipeline per fare il deploy di una applicazione scritta in Angular.
Facciamo prima un rapido ricapitolo di alcuni concetti:

Che cos’è il Deploy

Nel nostro caso, per deploy intendiamo tutte quelle operazione fatte per rendere un applicativo, che sia statico o dinamico, disponibile online e accessibile tramite browser.

Che cos’è un Hosting

Un hosting è un servizio che permette alle aziende o alle persone di rendere disponibile su internet un sito o una risorsa web.

Come funziona il Continuous Deployment

La filosofia dietro al continuous deployment è quella di rendere lo sviluppo e il deploy continuo, senza dover necessariamente avere un intervento manuale e delle fasi gestite da uno sviluppatore.
Questo permette di ridurre gli errori di compilazione e di deploy e permette di installare tutte le dipendenze corrette, in questo modo il nostro applicativo avrà sempre le stesse condizioni rispetto allo sviluppo in locale.

Questa è un immagine di esempio presa da Google

Che cos’è Azure

Azure è una piattaforma di servizi cloud che permette una miriade di possibili soluzioni per gli sviluppatori. Oltre permettere la distribuzioni di semplici applicativi web, ci sono database, sistemi di analisi, AI, IoT, Docker, Applicazioni Mobile, serverless, sistemi di archiviazione e chi più ne ha più ne metta.


Azure App Service

Nel nostro caso utilizzeremo quelli che su Azure sono chiamati App Service, ovvero un contenitore generico nel quale è possibile mettere un sito o delle pagine web.

Non mi dilungherò su come configurare una applicazione Angular perchè ho scritto un altro articolo per questo. ♥️

Per poter velocizzare il processo di deploy ed essere sicuri che il tutto funzioni correttamente utilizzo Angular CLI, ovvero tutte quei comandi che semplificano il lavoro di chi sviluppa utilizzando Angular. Nel 90% dei casi anche tu utilizzi Angular CLI e quindi puoi seguire tutti i passaggi che sto per fare, altrimenti dovrai usare due volte i comandi di npm.

Setup del Deploy

Andiamo su dev.azure.com se non lo hai ancora fatto, dovrai creato un account per questo servizio, che comunque sarà lo stesso di Azure.

Creazione del progetto all’interno dell’organizzazione

Nel caso in cui non ci sono contenitori creati, come nel mio caso, andrà creato come nell’esempio.

Creazione del progetto all’interno dell’organizzazione

Questo è quello che compare cliccando su new project.

Sistema per DevOps

Quello che useremo noi sono solo le Pipelines del sistema di DevOps, ma esistono anche altre cose che sono utili e che potreste prendere in considerazione più avanti, le citiamo solo per spiegarle:

  • Boards — per tenere traccia delle attività e dell’avanzamento di un progetto
  • Repos — una gestione dei repository, un servizio come quello di github per intenderci
  • Pipelines — sono proprio le pipeline di CI e CD
  • Test Plans — una serie di strumenti per testare le applicazioni e ridurre l’insorgenza di errori
  • Artifacts — è un archivio sicuro e ad alta efficienza

Quello che però interessa a noi sono le Pipelines, selezioniamole dal menu a sinistra e aggiungiamo una nuova pipeline.

Creiamo una nuova Pipeline

Le pipelines si possono realizzare tramite file yaml o tramite il tool messo a disposizione per farlo graficamente, come faremo noi.

Creazione della pipeline

Selezioniamo il repository che useremo per recuperare il nostro codice.
Nel mio caso che uso github, inserisco le credenziali e seleziono il repository e il branch da usare per il deploy.

Selezione del Repository

Adesso mi verrà chiesto se voglio utilizzare un pipeline da un template o se voglio partire da zero.
Noi partiremo da zero 😜

Seleziona un template per il job

Adesso ci troviamo nella schermata della pipeline e inseriremo uno dopo l’altro le attività da fare per distribuire il progetto.
Aggiungiamone uno alla volta facendo click sul pulsante aggiungi.

Pagina vuota dei job

Setup degli step della pipeline

Adesso entriamo nel vivo e cominciamo ad inserire tutto quello che serve per distribuire l’applicazione.

1. Installiamo Node

Node è l’ambiente base che serve per compilare il tutto, lo cerchiamo e lo aggiungiamo.

Installazione di node
Versione di node

Seleziona la versione di node che hai utilizzato anche in locale per sviluppare.

2. Installiamo npm

Installiamo e configuriamo npm

Una volta aggiungo npm alla pipeline selezioniamo il comando da lanciare.
Nel nostro caso ci basta selezionare install che recupererà il package.json e installerà tutti i pacchetti necessari.

Update: ho scoperto che nel caso in cui nella cartella che verrà recuperata dalla pipeline è presente il file package-lock.json lo script npm install fallirà. Quindi preoccupatevi di non avere il file nel branch che verrà richiamato dalla pipeline.

3. Installiamo Angular Cli

Da non molto tempo è disponibile sul marketplace di azure DevOps l’elemento che permette l’uso di Angular Cli, quindi cerchiamolo e installiamolo, dopodiché lo aggiungiamo alla pipeline.

installazione di Angular Cli

Una volta aggiunto lo configuriamo.

configurazione di Angular Cli

Basterà selezionare quale comando far eseguire e spuntiamo ProdBuild se stiamo facendo il deploy in produzione.

4. Installiamo Azure App Service Deploy

L’ultimo passaggio è quello di terminare il processo di build spostando il compilato nel contenitore che abbiamo creato su azure.
Per fare questo le pipeline ci vengono in aiuto utilizzando l’ Azure APP Service Deploy.
Aggiungiamolo alla pipeline e configuriamolo.

Azure app service deploy

Tutto quello che è evidenziato deve essere selezionato dal contenitore app che abbiamo creato su azure, questo ci aiuterà a pubblicare automaticamente il tutto.
Dobbiamo fare attenzione alla cartella di pubblicazione, io ho inserito dist/ che è la cartella creata dal comando ng build ed è la cartella che deve essere servita dalla nostra app.

Arrivati fin qui possiamo salvare, e se vogliamo, lanciare la prima build.
Se abbiamo fatto tutto bene vedremo il risultato della build, naturalmente io non avevo fatto tutto bene la prima volta ed infatti è fallita due volte. 😂

Risultato esecuzione pipeline

Conclusioni

Spero che in questo articolo sono riuscito a far trasparire la potenzialità di quelle che sono le pipeline di Microsoft, specialmente per chi usa i servizi di Azure.

Pubblicherò anche l’esempio per le pipeline di altre tipologie di app prossimamente.

Come sempre ti ringrazio se sei arrivato fino alla fine del post, il mio intento rimane solo quello di condividere le mie piccole esperienze sperando di essere utile a qualcuno.

Grazie 👋

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *